Esplorando la strada panoramica da Marrakech ad Ait Ben Haddou Ouarzazate

Il nostro viaggio inizia quando salutiamo il nostro Riad a Marrakech intorno alle 8:15. Per uscire dalla città ci vuole poco più di mezz’ora e presto ci ritroviamo su una strada tortuosa che sale attraverso le montagne dell’Alto Atlante. Il paesaggio è una sorprendente tela di terra rossa adornata da ulivi, colline sinuose e pittoreschi villaggi che sembrano deserti, fatta eccezione per la vista occasionale di donne che lavano i panni sulle rive del fiume.

Man mano che si sale di quota, gli ulivi lasciano gradualmente il posto a quella che è conosciuta come la “foresta del re”, una riserva di caccia frequentata dal monarca marocchino per la caccia al cinghiale. In lontananza si intravedono le cime innevate dell’Alto Atlante, che ci invitano a fermarci per l’immancabile servizio fotografico e ad assaporare l’aria frizzante e tonificante di montagna.

Il nostro viaggio prevede una sosta presso un piccolo laboratorio gestito da donne locali, dedito alla produzione di olio di argan. Qui assistiamo all’intero processo, dal frutto al seme, fino all’olio stesso. Impariamo anche a conoscere i vari prodotti culinari e cosmetici realizzati con questa preziosa risorsa.

Intorno alle 11:00 attraversiamo il passo Tisin Tuska, situato ad un’altitudine di 2200 metri. La strada corre parallela al letto asciutto del fiume, dove pascolano tranquillamente asini, pecore e qualche cavallo.

La nostra prossima destinazione è la Telouet Kasbah, un maestoso palazzo che vanta ben 356 stanze. Originariamente conosciuta come Kasbah Glaoui, dal nome della dinastia familiare che un tempo la possedeva, questo gioiello architettonico fu costruito nel 1860. Le carovane provenienti dal Sahara si fermavano spesso qui, seguendo la “via del sale” e attraversando sette porte prima di ottenere l’ingresso alla Kasbah.

Mentre esploriamo, saliamo strette scale e arriviamo a un lungo corridoio che conduce a una porta di cedro splendidamente scolpita, rivelando una magnifica sala composta da varie stanze. Intonaci, piastrelle zellij e vivaci murali adornano queste camere, mentre le grandi finestre sulle pareti esterne, adornate con intricate ringhiere, offrono panorami mozzafiato.

Il nostro viaggio prosegue verso Ait Ben Haddou, sito Patrimonio dell’Umanità UNESCO rinomato per le sue apparizioni in numerosi film e serie TV. Saliamo uno stretto vicolo che conduce alla sommità di questa città fortificata. Uno Ksar, un concetto di abitazione tribale, comprende un gruppo di edifici costruiti nel 1600 utilizzando materiali organici, in particolare fango rosso, il tutto racchiuso all’interno di mura imponenti. Ait Ben Haddou è appollaiato su una collina, con vista sulla valle, adagiato lungo le rive del fiume Ounila, ai piedi delle montagne dell’Atlante, a 30 chilometri da Ouarzazate. Ammiriamo le torri angolari, un sostanziale granaio fortificato in cima, la moschea e la piazza centrale.

Dopo la nostra visita alla città fortificata, raggiungiamo Ouarzazate e arriviamo al nostro Riad in tempo per un tuffo rinfrescante in piscina, fornendo il perfetto ringiovanimento di cui abbiamo bisogno. Con l’avvicinarsi della sera, ci godiamo una cena deliziosa e ci ritiriamo presto, perché l’indomani promette un lungo viaggio mentre ci avventuriamo più in profondità nel deserto.

Post recenti nel blog di tour di viaggio nel deserto del marocco

Riad Edward

Scopri la magia di Riad Edward : la tua oasi…

Servizio taxi Ouarzazate

Servizio taxi Ouarzazate MIGLIOR servizio taxi Ouarzazate Quando si tratta…

Esplorando Zagora: La Cooperativa Di Ceramiche Tamagroute In Marocco

Exclusive Private Tours Esplorando Zagora: la cooperativa di ceramiche Tamagroute…

ERG-CHIGAGA Il Deserto del Marocco

Il Deserto del Marocco ERG-CHIGAGA Il Deserto del Marocco Stai…